Mino Pecorelli

EGGARDO BELTRAMETTI, il curatore

MANI ROSSE 1

di Ben Oates

Quanto poco ci vuole affinché il proprio nome finisca legato per sempre alle trame nere e alla cosiddetta strategia della tensione? A Eggardo Beltrametti bastano un paio di convegni e un libro, tutti curati da lui.

Nato a Cuneo nel 1911, perseguitato dal refuso commesso da molti che gli cambiano il nome in Edgardo, Beltrametti si laurea in Lettere e Filosofia e dopo una breve parentesi come insegnante si dedica alla sua vera passione: il giornalismo. Negli anni Sessanta, è autore di saggi sulla cucina italiana, attività questa che, molti anni dopo, Federico Umberto D’Amato, alto dirigente del Ministero dell’Interno e capo dell’ufficio Affari Riservati, farà con maggior successo.

Con il bizzarro pseudonimo di Edgar P. Allan, Beltrametti pubblica con Urania interessanti racconti di fantascienza. Invalido di guerra, grazie alla sua diretta esperienza nella triplice veste di partecipante, osservatore e inviato sui luoghi delle più importanti rivoluzioni postbelliche di tutto il mondo, si specializza in materie strategico militari e affari internazionali, scrivendo articoli per varie riviste del settore. Diventa redattore di Europa Nazione, scrive in Rassegna Militare e in Il Carabiniere: successivamente collabora a Mondo d’Oggi, un settimanale che vede l’esordio nel giornalismo di Mino Pecorelli, e insieme a Filippo de Jorio dirige Politica e Strategia.

Nel maggio del 1965 Beltrametti è uno dei promotori e curatori del famigerato convegno dell’Istituto Alberto Pollio, all’hotel Parco dei Principi di Roma, considerato da molti come l’avvio della strategia della tensione; sua è la relazione «La guerra rivoluzionaria: filosofia, linguaggio e procedimenti» in cui si pone il seguente quesito: come deve rispondere il mondo libero al minacciato attacco del comunismo mondiale? Insieme a lui ci sono fra gli altri Pino Rauti, che pontifica sulla penetrazione comunista in Italia, Guido Giannettini, che espone le tecniche per fronteggiare la «valanga rossa», Giano Accame, che stando a granitiche certezze a tutt’oggi dure a morire, mostrerebbe di saperla troppo lunga su quello che avverrà in Grecia di lì a due anni, cioè il golpe militare. Per l’editore Giovanni Volpe, Beltrametti cura la pubblicazione degli atti del convegno con il sottotitolo «La terza guerra mondiale è già cominciata».

MANI ROSSE

Durante l’estate dell’anno successivo scoppia una guerra a suon di inchieste e scoop fra le due più alte cariche militari del Paese cioè i capi di stato maggiore della Difesa e dell’Esercito Giuseppe Aloia e Giovanni De Lorenzo; fra «i due Aiaci», definiti così da Ferruccio Parri, c’è semplicemente un classico conflitto di potere. Aloia critica ferocemente il collega per la sua decisione di sospendere i corsi di ardimento, iniziativa questa che indebolirebbe l’efficienza dell’Esercito; dal canto proprio De Lorenzo, sostenuto dagli organi di stampa di sinistra grazie al suo passato nella Resistenza, attacca il filo atlantista Aloia facendo rivelazioni sui suoi presunti illeciti amministrativi: dall’acquisto di carri armati M60 all’utilizzo di fondi pubblici per il corredo da sposa della figlia.

Constatata l’indifferenza dei giornali, compresi quelli più moderati, a organizzare la difesa di Aloia ci pensa Beltrametti, da tempo suo stretto collaboratore, il quale incarica Giannettini e Rauti di scrivere un libro. I due vengono scelti perché il primo è un noto esperto di forze corazzate, quindi in grado di parlare della questione degli M60, il secondo perché bravo e navigato giornalista. Con lo pseudonimo di Flavio Messalla viene pubblicato «Le mani rosse sulle forze armate» nel quale gli autori chiariscono la faccenda degli M60 scagliandosi contro De Lorenzo che starebbe spalancando le porte dell’Esercito ai comunisti.

Finanziato da Aloia con due milioni e mezzo di lire e uscito in diecimila copie, il libello ha vita breve a causa di un improvviso e inaspettato incontro chiarificatore fra i due generali antagonisti che li porta a un accordo talmente avversato da Beltrametti da diventare causa della rottura dei suoi rapporti con Aloia. Quest’ultimo però ha ormai deciso e chiede all’ammiraglio Eugenio Henke, capo del SID, di far ritirare il libro dalla circolazione. Ciò non impedisce alla controinformazione militante di ritenere Le mani rosse sulle forze armate come una prova dell’asse fra il mondo neofascista e quello militare. L’episodio genera anche sospetti e prese di distanza verso Beltrametti da parte di alcuni importanti esponenti di Avanguardia Nazionale che lo giudicano uomo legato ai servizi segreti, tanto da diffidarne quanto e più di quello che faranno in seguito con Giannettini.

Incurante delle feroci polemiche che lo hanno visto coinvolto, nel giugno 1971 Beltrametti cura a Roma la conferenza «Guerra non ortodossa e difesa» e invita alcuni dei relatori già presenti al convegno del Parco dei Principi di sei anni prima: il dibattito è aperto con la lettura di un telegramma di saluti da parte del Ministro della Difesa Mario Tanassi. La platea è composta da civili e militari di vari orientamenti politici a eccezione di quello comunista: durante i lavori si ribadisce che «la difesa deve adeguarsi al tipo di offesa moderna, soprattutto all’attacco rivoluzionario».

Nello stesso anno Beltrametti è autore del saggio «Contestazione e megatoni» dove accenna a «uno stato maggiore parallelo composto di militari e civili il quale, agendo nella clandestinità, provveda a mobilitare l’apparato clandestino formato da cittadini di sicura fede politica». Che stia parlando di Gladio senza saperlo?

FONTI

Eggardo Beltrametti Contestazione e megatoni, Giovanni Volpe, Roma 1971

Eggardo Beltrametti Il colpo di stato militare in Italia, Giovanni Volpe, Roma 1975

Guido Giannettini e Pino Rauti Le mani rosse sulle forze armate, Savelli, Roma 1975 (riedizione)

Gianni Flamini Il partito del golpe (vol. 3°, tomo 1°), Italo Bovolenta, Bologna 1983

Virgilio Iliari Il generale col monocolo, Nuove Ricerche, Ancona 1994

Franco Ferraresi Minacce alla democrazia, Feltrinelli, Milano 1995

Giuseppe De Lutiis I servizi segreti in Italia, Editori Riuniti, Roma 1998

Annunci

Corna e scandali di un presidente napoletano. Signore e signori, Giovanni Leone

presidente_leone

Giovanni Leone

Giovanni Leone nasce a Napoli nel 1908. Figlio di uno dei fondatori del Partito popolare è giovanissimo docente di procedura penale: principe del foro, è stato iscritto al partito fascista e poi alla Dc a partire dalla metà degli anni Quaranta. Deputato fin dalla Costituente, Presidente della Camera, due volte Presidente del Consiglio, Leone passa per uomo super partes: una caratteristica che rivendicherà fin dal primo giorno al Quirinale.

– Leone esibisce una folcloristica napoletanità: scongiuri e «corna» si alternano in un crescendo che lascia sbigottiti vicini e testimoni. Cronache e pettegolezzi riferiscono di tarantelle e cantate di «O’ Sole mio» anche a latere di occasioni ufficiali. Tifoso del Napoli, si lascia andare a intemperanze allo stadio. A tutto questo aggiunge una inflessione dialettale che ne fa inevitabile bersaglio di caricature e sfottò. Gaffeur di professione, catalizza la morbosa curiosità dei cronisti dell’epoca anche a causa di «Donna Vittoria», la giovane moglie. La Dc non lo difende.

– Quando c’è da eleggere il successore di Giuseppe Saragat al Quirinale, la Dc individua inizialmente in Amintore Fanfani un candidato teoricamente capace di ottenere l’appoggio dei partiti centristi e, si pensa, del Pci. «Il Rieccolo», come lo chiama Montanelli, passa ancora per progressista anche se ha appena perso la battaglia per l’abolizione del divorzio. Proprio in quelle settimane di fine 1971 il settimanale Panorama, già attivo in inchieste giornalistiche su «trame nere» e «strategia della tensione», scrive che Fanfani è il candidato di un fantomatico gruppo cattolico denominato «Cinque per cinque»; un centro di interessi capace di egemonizzare la Fondazione Agnelli e di essere il punto di riferimento di Eugenio Cefis, presidente della Montedison, e di alti gradi delle forze armate. Il Pci, dal canto proprio, non aveva mai nascosto una certa diffidenza verso Fanfani presentato, per i suoi modi autoritari inversamente proporzionali all’altezza, come un «micro De Gaulle» [1]

– In realtà Fanfani non ha l’appoggio neppure dell’intera Dc. Pur essendo il candidato ufficiale del partito, già al primo scrutinio del 9 dicembre 1971 mancano all’appello una quarantina di voti: sono quelli dei cosiddetti «franchi tiratori». Quando dopo diverse fumate nere monarchici e missini iniziano a far balenare una possibile convergenza su Fanfani, la Dc ricorda che il leader aretino ha accettato la candidatura richiamandosi ai valori della Resistenza.

«Nano maledetto/ non sarai mai eletto». Con frasi simili, alternate al più classico «Fanfascista», scritte nelle schede di voto per l’elezione del Presidente della Repubblica, viene di fatto meno la candidatura di Fanfani alla più alta carica dello Stato

– In parlamento la sinistra parlamentare (Psi, Pci poi Psiup) vota per il socialista De Martino. Per superare lo stallo la Dc decide di accantonare la candidatura Fanfani: il 21 dicembre, all’interno di un «conclave», la Dc designa Giovanni Leone (che prevale per un soffio su Aldo Moro) candidato alla Presidenza della Repubblica. E’ il trionfo della linea di Andreotti. Leone viene eletto al ventitreesimo scrutinio con i voti determinanti del Msi che, secondo alcuni, è «entrato discriminato, è uscito determinante».

l5_71_12_09_a

Leone, discorso di insediamento, tra Pertini e Fanfani

– Quando Leone si presenta alle Camere per l’insediamento, Pajetta scaraventa una manciata di monete addosso a  Ugo La Malfa, antifascista ma elettore di un presidente votato dai fascisti

– Leone definisce fin da subito sé stesso «notaio» delle scelte di parlamento e governo. Non è amato dal popolo, pur riproducendone tic e superstizioni, e non fa niente per farsi amare.

– Settembre 1973, golpe militare in Cile. Il segretario del Pci Berlinguer trae occasione dalla cruenta fine del governo Allende per proporre alla Dc un «compromesso storico» che garantisca le istituzioni democratiche: il Pci, dice, potrebbe proseguire quella «via italiana al socialismo» già promessa da Togliatti trent’anni prima. La nuova sinistra vede invece negli eventi cileni la conferma di una borghesia incapace di accettare una affermazione del socialismo per via legale.

le-corna-del-presidente

Le corna presidenziali

– A un acutizzarsi della già grave crisi economica si unisce il propagarsi di una improvvisa epidemia di colera nel Sud: si tratta di zone ad amministrazione democristiana, soprattutto Napoli. Si diffondono voci secondo le quali lo stesso presidente Leone avrebbe fatto gli scongiuri visitando gli ospedali napoletani.

Giulio Andreotti: «Le prime censure a Leone avvennero per la constatata abitudine, tutta napoletana, di scongiurare il malocchio facendo ostentatamente le corna con la mano destra» [2]

– Durante una commemorazione di Giuseppe Mazzini, poco prima di entrare nella sala, davanti a numerosi giornalisti e altre personalità, Leone prende per il braccio Andreotti e gli sussurra: «Ho sentito dire che Mazzini porta jella. Tié!», facendo il gesto delle corna.

68866_leone

Leone contestato risponde con le corna, Pisa 1975

– A partire dal 1975, Leone viene fatto oggetto di una violentissima campagna stampa, orchestrata da L’Espresso e Camilla Cederna e dai radicali di Marco Pannella. Le accuse vanno dallo scandalo Lockheed, tangenti per l’acquisto di aerei americani, alla vita privata della famiglia Leone e della first lady Vittoria fino alle accuse di nepotismo: il tutto sfocia nella pubblicazione del libro «Giovanni Leone: la carriera di un presidente» firmato dalla Cederna che poi sarà condannata per diffamazione.

– Il 14 giugno 1978 la direzione del PCI decide di richiedere formalmente le dimissioni del Presidente della Repubblica. Quella sera Andreotti e Zaccagnini si recano da Leone per raccoglierne le dimissioni. Pare abbia congedato i due ospiti con la frase: «grazie, guagliò, così ora potrò guardarmi i mondiali di calcio in santa pace»

– Il 15 giugno del 1978 Giovanni Leone firma le dimissioni e lascia il Quirinale. Lo salutano in pochi. Leone se ne va a causa di una serie di attacchi della stampa e del partito radicale andati avanti per mesi. Negli anni successivi gran parte di quelle accuse si rivelerà infondata. Nel 1998 Pannella e Bonino chiederanno ufficialmente scusa. Leone muore nel 2001.

Camilla Cederna: «Leone va matto per tutti i piatti napoletani, pizza, parmigiana di melanzane, peperone imbottito, pastiera… Il cuoco del Quirinale ha fatto fatica a rimettersi dallo choc, dopo tutte le mousse e le gelatine che piacevano a Saragat» [3]

Camilla Cederna: «Leone è solo un pulcinella con le orecchie scollate» [4]

Il Male, settimanale satirico: «Ansa 767678… Roma, 15 giugno. Alle ore 21.00 il Presidente Leone ha ricevuto la servitù e tenuto un breve discorso. Il capo del cerimoniale del Quirinale lo ha informato che gli saranno addebitate le posate d’argento mancanti. Ansa 878767… Roma, 15 giugno. Alle ore 23,00 il Presidente Leone ha lasciato il Quirinale, scendendo di corsa la grande scala. Nella foga è inciampato nella cravatta cadendo. Trenta giorni di prognosi. Ansa 676562… Roma, 16 giugno. Ricevendo i giornalisti in un lussuoso albergo della capitale, la ex presidentessa donna Vittoria ha annunciato che chiederà divorzio per abbandono del tetto coniugale» [5]

Guido Quaranta: «Leone, presidente del consiglio, prende l’elicottero per visitare il disastro del Vajont. L’ultimo a salire a bordo è un noto fotografo. Leone si accorge che si tratta del passeggero numero diciassette. Non ce lo vuole. Quello lo supplica: ‘Preside’, tengo un pool di agenzie…’. E Leone: ‘Ma io tengo un pool di figli!’». [6]

– Il senatore a vita Leone, dopo il mandato presidenziale, viene chiamato a testimoniare presso la Commissione di inchiesta parlamentare sulla loggia P2: egli afferma di avere avvertito in varie occasioni nell’esercizio del mandato di Presidente della Repubblica una azione di condizionamento sulle cui origini non aveva notizie sicure, pur sospettando un coinvolgimento di ambienti vicini ai servizi segreti, rendendosi conto soltanto a posteriori della presenza intorno a lui di persone non completamente affidabili. [7]

po4

– «Un esempio di questo ambiguo rapporto che la loggia P2 intesse con il potere può essere individuato nella vicenda del presidente della repubblica Giovanni Leone, nel senso indicato dal commissario Petruccioli, quando ha rilevato come il Gelli che rivolge le sue blandizie al neoeletto presidente pervenendo a farsi da questi ricevere e il Gelli che si vanta con l’onorevole Craxi di poter condizionare la suprema magistratura della repubblica non solo non siano figure in contrasto tra loro ma possano in ipotesi essere considerati due concordanti aspetti di un identico modo di porsi di fronte al potere politico» [8]

– «C’è comunque ancora un fatto, nella storia della P2, che merita di essere ricordato: la guerra spietata che Licio Gelli condusse e fece condurre nei confronti del Presidente della Repubblica Giovanni Leone. Le motivazioni di questa ostilità sono probabilmente da ricercarsi nella chiusura costantemente esercitata dal Presidente Leone nei confronti del “Venerabile” della P2, che aveva tentato di accreditarsi negli ambienti politici e della massoneria come il manovratore occulto della sua elezione avvenuta nel 1971. Un altro motivo può essere costituito dal rifiuto opposto dal Presidente Leone, nella sua qualità di presidente del Consiglio Superiore della Magistratura, di intervenire a favore di Carmelo Spagnuolo, posto sotto inchiesta dopo l’episodio dell‘affidavit in favore di Sindona: e Spagnuolo ricopriva una posizione di alto prestigio nella P2. Sta di fatto che Mino Pecorelli, il direttore dii “OP”, iscritto alla P2 ,e molto legato a Gelli almeno nel periodo cui ci stiamo riferendo, scatenò una pesantissima campagna diffamatoria nei confronti del Presidente Leone. Campagna che ebbe delle notevoli ripercussioni politiche, anche perché fu proprio sulla base degli articoli di Pecorelli, che la giornalista Camilla Cederna costruì poi la sostanza di un suo libro contro il Presidente della Repubblica di chiara impronta scandalistica. […] Si può legittimamente supporre, da quanto precede, che Gelli volesse costringere il Presidente Leone alle dimissioni, puntando alla successiva elezione di un nuovo Capo dello Stato più ben disposto verso la massoneria e gli interessi politico-finanziari della P2 in particolare. In effetti, la bene orchestrata campagna contro Giovanni Leone, contribuì non poco alla cessazione anticipata del suo mandato presidenziale. Ma Gelli non aveva previsto che le correnti democristiane non avrebbero saputo trovare un candidato comune su cui puntare e che, di conseguenza, il successore di Leone sarebbe stato Sandro Pertini» [9]

 

La cerimonia delle cariatidi, tratta da Signore e signori, buonanotte, film “collettivo” del 1976, vede all’inaugurazione dell’Anno Pregiudiziario, i massimi rappresentanti dello Stato e della Chiesa tra cui il presidente Giovanni Leone: è alla fine della cerimonia che gli anziani presenti, guidati proprio dal Presidente napoletano, si scatenano in una tarantella sulle note di «Funiculì funiculà»

FONTI:

[1] Giorgio Galli, Il partito armato, Kaos edizioni

[2] Giulio Andreotti, Visti da vicino. Terza serie. Personaggi e problemi del mondo contemporaneo, Milano, 1985, pagina 156

[3] Angelo Olivieri, Sette anni di guai: i Presidenti della Repubblica nella satira 1946-1992, pagina 16

[4] Angelo Olivieri, Sette anni di guai: i Presidenti della Repubblica nella satira 1946-1992, pagina 17

[5] Angelo Olivieri, Sette anni di guai: i Presidenti della Repubblica nella satira 1946-1992, pagina 17

[6] Angelo Olivieri, Sette anni di guai: i Presidenti della Repubblica nella satira 1946-1992, pagina 17

[7] Relazione della commissione parlamentare d’inchiesta sulla loggia massonica P2, pag.137

[8] Relazione della commissione parlamentare d’inchiesta sulla loggia massonica P2, pag. 150

[9] Commissione parlamentare d’inchiesta sulla loggia massonica P2, relazione di minoranza Giorgio Pisanò, pag.122

La prima udienza del processo alla banda della Magliana

 

 

La Banda della Magliana è il nome attribuito a quella che è considerata la più potente organizzazione criminale autoctona che abbia mai operato nella città di Roma. Il nome, attribuito alla banda dalla stampa , deriva da quello del quartiere romano della Magliana, nel quale risiedevano una parte dei suoi componenti.
Nata nella tarda metà degli anni settanta, la banda fu la prima organizzazione capitolina a percepire non solo la possibilità di unificare in senso operativo la frastagliata realtà della criminalità romana, ma anche a sentire l’esigenza di diversificare sia le proprie attività delinquenziali che andavano dai sequestri di persona, al controllo del gioco d’azzardo e delle scommesse ippiche, alle rapine e al traffico di sostanze stupefacenti e sia di estendere la propria rete di contatti alle principali organizzazioni criminali del Paese, dalla Mafia alla Camorra, nonché ad esponenti della massoneria, oltre che a numerose collaborazioni con elementi della destra eversiva, dei servizi segreti e della finanza.
Una vera e propria holding-criminale che, per anni, impose la sua legge nella capitale e la cui storia, fatta anche di legami mai del tutto chiariti con politica e intelligence deviata, racconta di una zona grigia non ancora del tutto conoscibile nei dettagli sul ruolo dell’organizzazione in molti dei cosiddetti misteri italiani, dal coinvolgimento nell’omicidio del giornalista Mino Pecorelli, al legame con il sequestro Moro, ai depistaggi nella strage di Bologna, all’omicidio del banchiere Roberto Calvi, fino al rapimento di Emanuela Orlandi.