L’Urss in Afghanistan.

Fu lui il 15 febbraio del 1989 a varcare per ultimo il ponte sul fiume Amudarrya che separa l’ Afghanistan dall’ Uzbekistan, allora parte dell’ Unione Sovietica. Il generale di corpo d’ armata Boris Gromov aveva quarantacinque anni ed era il comandante supremo della quarantesima armata, il corpo di spedizione sovietico in Afghanistan. Un padre morto combattendo i nazisti, Gromov e’ entrato all’ accademia a 15 anni e ha conseguito l’ attuale grado a trentanove. Si conquisto’ sul campo la stella d’ oro di Eroe dell’ Unione delle Repubbliche Socialiste Sovietiche nell’ 87, liberando le truppe assediate nella citta’ di Khost. Oggi Gromov siede alla Duma, la Camera bassa del Parlamento russo, ed e’ un fiero oppositore del governo, difende a spada tratta, ma con una certa intelligenza, l’ operato delle truppe sovietiche nell’ avventura afgana. E condanna senza appello i politici che la iniziarono. Generale, perche’ fu proprio lei a lasciare per ultimo il suolo afgano? Una mossa propagandistica? “Ma no. Chi altri avrebbe dovuto farlo? Ero il comandante della quarantesima o, come si diceva da noi, del “contingente limitato di truppe sovietiche” – contingente che nel 1989 era formato da 115 mila uomini, ndr -. Non potevo certo passare il ponte lasciando, sia pure per qualche minuto, miei subordinati alle spalle”. Molti in Occidente celebrarono quel 15 febbraio come la liberazione dell’ Afghanistan. Nell’ Unione Sovietica fu la fine di un incubo. Visti oggi, sono corretti questi giudizi? “Non riesco a capire fino in fondo di quale liberazione si parlava. Forse che dopo la nostra partenza la vita in Afghanistan e’ diventata piu’ tranquilla? Del resto, checche’ se ne dica in Occidente, le truppe sovietiche si trovavano in Afghanistan su base perfettamente legale. Ideologica ma legale. C’ erano accordi bilaterali e una richiesta di aiuto del governo legittimo di Kabul. Certo, per l’ Urss il giorno del ritiro fu un evento lieto, come lo e’ sempre la fine di una guerra”. Ma allora fu giustificato l’ intervento in Afghanistan? “No, l’ intervento non era giustificato ne’ dal punto di vista politico ne’ da quello militare. Il Paese, naturalmente, doveva essere assistito in tutti i modi, economicamente e politicamente. Come d’ altronde facemmo pure: consiglieri politici, edili, militari, medici, specialisti di ogni genere. Ma l’ invio delle truppe fu un errore politico strategico della dirigenza sovietica dell’ epoca”. Perche’ l’ Urss perse la guerra? “L’ Urss non perse la guerra, bisogna capirlo una volta per tutte. Mai una volta, in piu’ di 9 anni di presenza delle truppe, ci fu affidato il compito di conseguire una vittoria militare globale. Le nostre azioni avevano un carattere difensivo e preventivo, in collaborazione con l’ esercito afgano. Si puo’ parlare di sconfitta quando qualcuno e’ disfatto, annientato. Ma nessuna divisione, nessun reggimento della 40ma armata ha mai subito una disfatta. Invece per quanto riguarda il ritiro delle truppe… ebbene ringraziamo il cielo per questo. Pero’ le abbiamo ritirate in maniera organizzata, a testa alta, con orgoglio e con le bandiere spiegate. Le guerre vengono iniziate e terminate per motivi politici, l’ esercito non c’ entra nulla con tutto cio”. Una posizione che ricorda quella dei generali americani che non hanno mai ammesso la sconfitta in Vietnam. Ma la macchina bellica dell’ Urss non era gia’ arrugginita? “Affermazioni simili sono ridicole. L’ Armata Rossa non perdeva colpi. In quel momento, anzi, sul piano militare eravamo forti come mai prima. E questa non e’ solo la mia opinione; lo sanno benissimo anche gli esperti occidentali, compresi quelli italiani. Chiedete ai vostri militari se l’ Armata Rossa era arrugginita”. Oggi l’ esercito e’ in ginocchio per mancanza di fondi? “Nulla e nessuno e’ in grado di mettere in ginocchio l’ esercito russo. E’ vero che mancano i soldi e le forze armate risentono degli scarsi finanziamenti. Di problemi ce ne sono tanti. Quando l’ economia della Russia si riprendera’ allora anche i militari riprenderanno fiato”. Qual e’ stato il momento piu’ brutto della sua esperienza in Afghanistan? “Ero ancora comandante di divisione. Una mia compagnia era rimasta intrappolata in una valle tra le montagne. Io mi trovavo a due, tre chilometri; li ascoltavo per radio, ma non li potevo aiutare, non potevamo fare nulla per soccorrerli. Mi creda, uno stato terribile per un comandante”. E il momento piu’ esaltante? “Non ho dubbi: il giorno del ritiro. Era la fine della guerra, delle perdite. I morti tra i militari sono stati 13.833, i feriti decine di migliaia”. Gorbaciov voleva chiudere la partita afgana. Chi si opponeva al ritiro delle truppe? “Ai vertici del potere sovietico in quel momento oramai tutti si rendevano conto di essere stati coinvolti in una avventura politica. Nessuno si opponeva al ritiro. Erano gli alleati afgani che si opponevano con tutte le loro forze”. Cosa dovrebbero fare oggi Russia e Occidente per l’ Afghanistan? “Il grave errore dell’ Urss e della Russia e’ stato quello di aver sospeso ogni aiuto dopo il ritiro delle truppe. Cio’ ha solo contribuito ad attizzare ancora di piu’ la guerra civile. Oggi bisognerebbe elaborare una posizione comune, unica. Allora, forse, le cose in Afghanistan potrebbero avviarsi a soluzione”.

Fabrizio Dragosei

# Nell’ aprile 1979 rivolte di matrice islamica a Kabul costringono il premier comunista Babrack Karmal all’ esilio

# Karmal chiede l’ intervento di Mosca che nel dicembre ‘ 79 invia l’ esercito

# Un quinto circa dei 5 milioni di afgani muore per i combattimenti. Due milioni sono i profughi. Le vittime sovietiche sono piu’ di 13mila

# Il 15 febbraio ‘ 89 il corpo d’ occupazione di Mosca completa il ritiro

Annunci

One comment

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...