Il massacro del Circeo

– Il cosiddetto Massacro del Circeo è un fatto di cronaca nera avvenuto il 29 settembre 1975 sul litorale pontino presso la zona del Circeo.

– Daniela Colasanti e Rosaria Lopez, rispettivamente di 17 e 19 anni, vengono invitate ad una festa privata da tre ragazzi dell’alta borghesia romana: Gianni Guido, Angelo Izzo e Andrea Ghira. La Colasanti e la Lopez hanno conosciuto i tre presso un famoso locale dell’epoca, situato nella zona Eur a Roma.

– Andrea Ghira, figlio di un noto imprenditore della capitale nonché grande ammiratore del clan dei marsigliesi e del loro leader Jacques Berenguer, è già stato condannato per rapina a mano armata nel 1973 scontando per questo fatto 20 mesi di reclusione. Angelo Izzo, studente di medicina ed anch’egli figlio di un costruttore, ha invece violentato due ragazzine nel 1974: la condanna è particolarmente lieve per lui (due anni e mezzo di reclusione) nemmeno interamente scontata dato che gli viene concessa la condizionale. Gianni Guido, studente di architettura e figlio di un dirigente bancario, è l’unico ad essere incensurato.

– Una volta giunti a destinazione, presso la villa di Ghira collocata a San Felice Circeo nella zona della Moresca, inizia la sarabanda di violenza e morte. Secondo il racconto di Donatella Colasanti, mentre tutti si trovavano nel giardino della villa, uno dei ragazzi tira fuori la rivoltella affermando di far parte della Banda dei Marsigliesi. L’ordine del leader Berenguer sarebbe appunto stato quello di rapire le due ragazze.

– A seguito di questa dichiarazione la Colasanti e la Lopez vengono ripetutamente violentate e percosse per 36 ore.

– Le ragazza vengono drogate. La Lopez portata nel bagno, picchiata e annegata nella vasca. Ghira, Izzo e Guido tentano poi di strangolare la Colasanti, colpendola selvaggiamente. La stessa Colasanti subisce poi una sprangata sul capo che la tramortisce. Creduta morta viene caricata, assieme al cadavere della Lopez, dentro il bagagliaio di una FIAT 127 intestata al padre di Guido.

– La Colasanti, salvatasi miracolosamente, prova ad attirare l’attenzione di qualche passante: i carabinieri arrivano sul posto solo perché una donna, non riuscendo a dormire, viene messa in allarme dai lamenti provenienti dal bagagliaio dell’auto.

– Izzo e Guido vengono catturati nel giro di poche ore mentre Ghira – forse a causa di una soffiata – non verrà mai preso. La Colasanti, ricoverata in ospedale, ha subito gravi lesioni e pesantissimi danni psicologici.

– La Colasanti viene rappresentata in giudizio dall’avvocatessa Tina Lagostena Bassi. Grande impulso alle indagini proviene dai carabinieri.

– Il primo grado si risolve con tre ergastoli a testa per Izzo, Guido e Ghira (quest’ultimo in contumacia). I giudici non concedono alcuna attenuante.

– Durante il processo di primo grado svoltosi a Latina, Angelo Izzo urla contro la Colasanti affermando che “mente sapendo di mentire”. La Colasanti risponde davanti alle telecamere del Tg2: “Izzo è un vigliacco, è un vigliacco e basta. Hanno voluto fare i grandi con noi che eravamo delle ragazzine, però adesso tremano quando devono parlare…È una stupida farsa, se vede benissimo che recita, recita pure male”. Il Pm Vito Giampietro: “Non vi è follia nel comportamento di Guido e di Izzo e di Ghira, non vi è la follia che ottunde il sentimento, che ottenebra la volontà, che obnubila il cervello. Il delitto è lucido, freddo, spietatamente voluto per il perseguimento di un fine ben determinato! Ergastolo per Izzo, ergastolo per Ghira, ergastolo per Guido!”.

– Dopo il processo il giornalista Giuseppe Marrazzo intervista il Pm Giampietro.

Lei non ha avuto esitazioni a chiedere l’ergastolo?

“Assolutamente”

Non le è passato per la mente neanche per un momento il bisogno di una perizia psichiatrica di tre giovani che uccidono in quel modo?

“Assolutamente no”

Perché?

“Perché li ritengo del tutto sani di mente”.

– Intanto Ghira, che è latitante, pensa ai suoi amici e scrive loro: “Non mi avranno mai. Vi assicuro che quella bastarda la faccio fuori, per voi non c’è pericolo, a fine anno ’76 uscirete per libertà provvisoria. Anche se sanno tutto questi bastardi faranno una brutta fine anche loro. Comunque non vi preoccupate per la mia latitanza ho circa 13 milioni di lire, forse andrò via da Roma. Per quanto riguarda quella stronzetta – farà la fine della Lopez – state calmi, a presto.
Berenguer Ghira”
.

– Sulla sorte di Ghira permangono tuttora dei dubbi: si sarebbe arruolato presso la legione straniera spagnola per poi essere espulso a causa dell’abuso di stupefacenti. L’espulsione sarebbe avvenuta nel 1994, anno della presunta morta per overdose. Sarebbe dunque stato seppellito sotto falso nome nel Marocco spagnolo. Esiste però una foto del 1995 che ritrae un uomo con le fattezze del Ghira: scattata presso la periferia romana dai carabinieri, sarebbe stata sottoposta ad analisi computerizzata con esito finale positivo. Diverse segnalazioni circa la possibile presenza del Ghira sono pervenute da varie parti del mondo.

– Guido e Izzo durante una rivolta carceraria nel 1977 prendono in ostaggio una guardia tentando, senza successo, di evadere dal carcere di Latina.

– La sentenza per Guido viene modificata nel 1980 e ridotta a 30 anni di reclusione, considerando il pentimento dell’uomo e l’accettazione da parte delle famiglie offese di un risarcimento danni. Lo stesso Guido evade dal carcere di san Gimignano nel 1981 e ripara in Argentina, Paese nel quale viene catturato nel giro di due anni. In attesa della estradizione in Italia riesce nuovamente a far perdere le proprie tracce nel 1985 per poi essere definitivamente riacciuffato a Panama nel 1994.

– Anche Izzo farà parlare di sé: nell’85 fa sapere agli inquirenti che è deciso a collaborare e diventa un pentito “buono per tutte le stagioni”, rilasciando dichiarazioni che vanno dall’eversione di destra alla mafia. Nell’agosto del ’93, approfittando di un permesso, non rientra nel carcere di Alessandria e fa perdere le proprie tracce. Dopo quindici giorni viene arrestato a Parigi. Nel ’95 ricomincia a fare rivelazioni. Nel 2004 i giudici di Palermo decidono di concedergli la semilibertà. Non appena fuori uccide due donne: Maria Carmela Linciano (49 anni) e Valentina Maiorano (14 anni), rispettivamente moglie e figlia di un pentito della Sacra Corona Unita che Izzo aveva conosciuto durante la sua permanenza presso il carcere di Campobasso. Nell’aprile del 2005 le due donne vengono legate e soffocate per poi essere sepolte presso il giardino di una villetta in prov. di Campobasso. Nel 2007 Izzo viene condannato, per questo nuovo fatto di sangue, all’ergastolo (confermato in appello).

– Donatella Colasanti muore nel 2005 a 47 anni. Avrebbe voluto assistere al nuovo processo a carico di Izzo.

– Nel 2008 Gianni Guido è affidato ai servizi sociali dopo 14 anni di carcere a Rebibbia. Ha finito di scontare la pena nell’agosto del 2009. A fronte di una condanna a trent’anni di reclusione ne ha scontati 22: più volte fuggito all’estero ha trascorso 11 anni latitante fuori dai confini nazionali.

– Così ha commentato Letizia Lopez, sorella di Rosaria: “Il signor Guido non ha affatto scontato la sua pena: è andato in Argentina, è scappato all’estero, ha fatto gran parte della condanna ai servizi sociali, ha usufruito di permessi. Ma insomma mi chiedo con quale coraggio una persona così con quello che ha fatto, e senza mostrare pentimento, ora giri libero per Roma?”.

– Il racconto di Donatella Colasanti: “Tutto è cominciato una settimana fa, con l’incontro con un ragazzo all’uscita del cinema che diceva di chiamarsi Carlo, lo scambio dei numeri di telefono e la promessa di vederci all’indomani insieme ad altri amici. Con Carlo così, vengono Angelo e Gianni, chiacchieriamo un po’, poi si decide di fare qualcosa all’indomani, io dico che non avrei potuto, allora si fissa per lunedì. L’appuntamento è per le quattro del pomeriggio. Arrivano solo Angelo e Gianni, Carlo, dicono, aveva una festa alla sua villa di Lavinio, se avessimo voluto raggiungerlo… ma a Lavinio non arrivammo mai. I due a un certo punto si fermano a un bar per telefonare a Carlo, così dicono; quando Gianni ritorna in macchina dice che l’amico avrebbe gradito la nostra visita e che andassimo pure in villa che lui stava al mare. La villa era al Circeo e quel Carlo non arrivò mai. I due si svelano subito e ci chiedono di fare l’amore, rifiutiamo, insistono e ci promettono un milione ciascuna, rifiutiamo di nuovo. A questo punto Gianni tira fuori una pistola e dice: “Siamo della banda dei Marsigliesi, quindi vi conviene obbedire, quando arriverà Jacques Berenguer non avrete scampo, lui è un duro, è quello che ha rapito il gioielliere Bulgari”. Capiamo che era una trappola e scoppiamo a piangere. I due ci chiudono in bagno, aspettavano Jacques. La mattina dopo Angelo apre la porta del bagno e si accorge che il lavandino è rotto, si infuria come un pazzo e ci ammazza di botte, e ci separano: io in un bagno, Rosaria in un altro. Comincia l’inferno. Verso sera arriva Jacques. Jacques in realtà era Andrea Ghira, dice che ci porterà a Roma ma poi ci hanno addormentate. Ci fanno tre punture ciascuna, ma io e Rosaria siamo più sveglie di prima e allora passano ad altri sistemi. Prendono Rosaria e la portano in un’altra stanza per cloroformizzarla dicono, la sento piangere e urlare, poi silenzio all’improvviso. Devono averla uccisa in quel momento. A me mi picchiano in testa col calcio della pistola, sono mezza stordita, e allora mi legano un laccio al collo e mi trascinano per tutta casa per strozzarmi, svengo per un po’, e quando mi sveglio sento uno che mi tiene al petto con un piede e sento che dice: “Questa non vuole proprio morire”, e giù a colpirmi in testa con una spranga di ferro. Ho capito che avevo una sola via di uscita, fingermi morta, e l’ho fatto. Mi hanno messa nel portabagagli della macchina, Rosaria non c’era ancora, ma quando l’hanno portata ho sentito chiudere il cofano e uno che diceva: “Guarda come dormono bene queste due”.

– Edda Billi, Associazione Federale Femministe Italiane: “Questo processo ha dato una presa di coscienza a una nazione intera, ci sono stati uomini che si sono vergognati di essere uomini, questo vuol dire molto; è cambiato il costume. Fino ad allora lo stupro era considerato delitto contro la morale, da quel momento furono gettate le basi per la futura legge che all’Articolo 1 dice: La violenza sessuale è delitto contro la persona».
Anita Pasquali, Associazione Federale Femministe Italiane: “Per esempio fare una ferita al braccio è un delitto contro la persona, lo stupro invece non era un reato contro la persona, ma contro la dignità che sappiamo che, come la morale, è un concetto astrattissimo che si può tirar di qui, tirar di là…”.

– Lo storico Giordano Bruno Guerri, a proposito della costituzione del movimento femminile al processo, afferma: “È evidentemente un assurdo giuridico perché le donne avevano comunque dignità pari agli uomini già dal ’46 quando si votava ecc…Quindi non ha senso; però ha un senso storico perché le donne erano oggettivamente in uno stato di inferiorità, nonostante le leggi, per tradizione e per abitudini, e il movimento femminista del ‘68 stava alzando il tiro pretendendo di più per una parità vera. Individuò quindi nella violenza del Circeo un punto di attacco per creare un problema”.

Parla Donatella Colasanti:”Con me non ci sono riusciti”.

Torturata fino ad ucciderla.

Quando cercò di candidarsi con la destra.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...