Cari ladri potete dormire sonni tranquilli (per ora).

In questi giorni i quotidiani (quasi coordinati da una specie di mano invisibile) stanno compiendo una riflessione “storiografica” sulla vicenda Mani Pulite. Ci si chiede che cosa rimanga della più grande operazione politico-giudiziaria compiuta dalla magistratura italiana. La domanda è legittima, visto che il malaffare pare essere diffuso più che mai nei rapporti tra la pubblica amministrazione e l’imprenditoria, tra la politica e gli affari.

Non c’è dubbio che con Tangentopoli (neologismo coniato in ambienti giornalistici) si sia chiusa un’era politica – la cosiddetta prima repubblica – e se ne sia aperta un’altra paradossalmente peggiore. Le speranze di rinnovamento che tanti avevano riposto nell’azione della magistratura e nella possibilità di un rinnovamento politico sono andate in gran parte deluse. Vent’anni perduti, tra privatizzazioni truffa, mancanza di politiche industriali e di sviluppo, sterili contrapposizioni, precarizzazione del lavoro, scelte internazionali folli come quella dell’entrata nell’euro.

Tangentopoli è il risultato della fine della guerra fredda e della caduta del Muro di Berlino. Non è infatti pensabile che prima del 1992 la classe politica non rubasse. Rubavano tutti quelli che hanno avuto responsabilità politiche a livello nazionale e locale, compresi le formazioni politiche uscite miracolosamente indenni dalle inchieste. Nessuno però ebbe l’ardire di compiere – diciamo negli anni 70 – una operazione come quella realizza da Di Pietro & co. Non ce ne sarebbe stata la possibilità, né sotto il profilo interno né soprattutto sotto quello internazionale. Qualcuno ebbe la tentazione: pensiamo allo scandalo Lockheed con l’Aldo Moro del “non ci faremo processare nelle piazze” oppure agli incredibili maneggi di Michele Sindona e la famosa lista dei 500… a parte l’incriminazione di qualche personaggio minore non successe assolutamente nulla. Nessuno poteva prendersi la responsabilità di distruggere -in piena guerra fredda- i partiti di governo per provare a mettere al loro posto i comunisti. Sarebbe saltato il banco con la conseguenza di aprire le porte ad una dittatura militare sul modello cileno (appoggiata dagli americani).

Negli anni 70 e nella prima metà degli anni 80 la magistratura era poi impegnata nell’opera di repressione dei moti eversivi di destra e di sinistra che minacciavano (spesso avvalendosi di agganci interni ed esteri) le istituzioni repubblicane.

E’ lecito ritenere comunque che se il Muro fosse caduto dieci anni dopo Mani Pulite non ci sarebbe stata. Non per mancanza di condizioni “giudiziarie” ma per mancanza di quelle “politiche”. Chi non contestualizza gli eventi sotto il profilo storico e politico si limita ad una visione giudiziaria delle vicende che a mio parere è assolutamente fuorviante.

Ma una domanda appare particolarmente interessante: ci sono le condizioni per una nuova Mani Pulite? Sotto il profilo giuridico e giudiziario certamente sì, nel senso che non passa giorno senza che qualche magistrato incappi in condotte che possono essere qualificate normativamente come reati. Sotto il profilo politico c’è da avere dei dubbi, in un momento in cui i partiti maggiori sembrano andare d’amore e d’accordo nel garantire la maggioranza al governo tecnico presieduto da Mario Monti. Un governo, occorre non dimenticarlo, fermamente voluto e sostenuto dal capo dello stato, dall’Europa e da poteri forti a carattere sovranazionale. Per certi versi si stanno riproponendo le medesime condizioni degli anni della guerra fredda quando la collocazione internazionale dell’Italia non permetteva fughe in avanti. Bisogna vedere quanto durerà questa situazione e per quanto tempo sarà possibile mantenere intatto il vaso di Pandora. C’è da pensare che non appena sarà passata la buriana dei mercati internazionali si scatenerà una nuova ondata di inchieste giudiziare tale da mandare a casa (o in galera) la cosiddetta classe politica che ha malgovernato l’Italia in questi ultimi 20 anni (il tutto ovviamente con una opinione pubblica plaudente ma incapace di generare alternative politiche credibili).

Annunci

10 comments

  1. E' lecito ritenere comunque che se il Muro fosse caduto dieci anni dopo Mani Pulite non ci sarebbe stata. Non per mancanza di condizioni "giudiziarie" ma per mancanza di quelle "politiche".Quali diverse condizioni, ed in che modo?

  2. I politici hanno sempre rubato ma se il Muro fosse caduto nel 1999 anziché nell'89 si può scommettere che non ci sarebbe stata Mani Pulite dato l'importanza che l'Italia aveva nello scacchiere occidentale (parlo in termini di stabilità politica e fedeltà militare). Non credo sarebbe stato possibile durante la guerra fredda scardinare i partiti di governo con un'operazione giudiziaria per poi lasciare campo libero ai comunisti.

  3. Spero si scateni l'ondata di inchieste giudiziarie che spazzi via l'attuale classe politica. Quello che mi preoccupa sempre in questi casi è appunto l'alternativa politica… ogni volta non c'è, non è credibile, non è insomma un'alternativa. E ci si trova di fronte al vuoto, come già successo dopo Mani Pulite e.. sappiamo come è andata!

  4. Preferirei che l'alternativa nascesse dalla società civile piuttosto che per effetto di inchieste giudiziarie. Circa i motivi del perché ciò non succeda meglio lasciar perdere: si entrerebbe nella antropologia!

  5. Perché fondamentalmente siamo dei "pecoroni"… se andiamo a vedere tutte le rivoluzioni, da noi, non sono mai state di popolo ma di elite. Risorgimento, Fascismo, Resistenza. La massa stava a guardare in attesa di schierarsi col vincitore. E poi non siamo un popolo che crede davvero nella democrazia. Sono bastati due mesi di governo tecnico per pensare che la politica non serva a nulla perché tanto bastano un paio di banchieri a governare il Paese.

  6. @Nazionalpopolare70grazie della risposta…è l'idea che mi sono fatto anch'io.Poi tutto sommato non vedo così negativo che agli italiani non piaccia l'idea di lanciarsi in chissà quali "rivoluzioni", il cui destino è quello di essere comunque prima o poi "tradite".Saluti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...