Italia-Nuova Zelanda 1-1

Seconda partita di questo strano mondiale per la nostra nazionale.
Un déjà vu . Goal preso da lancio di 50 mt. con tutta la difesa schierata. Solita affannosa rincorsa per provare a recuperare e -possibilimente- superare gli avversari di turno.
A differenza del Paraguay, squadra tutt’altro che modesta, con la Nuova Zelanda anche il più pessimista tifoso o il più anti-italiano dei leghisti avrebbe creduto in una vittoria facile. Ed invece così non è stato.
Prima di tutto bisognerebbe ricordarsi che nel calcio moderno non esistono parite facili; ce lo sta insegnando, per l’ennesima volta, questo mondiale con la crisi delle grandi squadre europee.
Anche il Brasile ha stentato parecchio con la sconosciutissima Corea del Nord(che oggi ha però beccato 7 goal dal Portogallo, e qui si potrebbero aprire inquietanti interrogativi sul perchè di quella partenza sprint dei coreani).
In secondo luogo abbiamo giocato contro una squadra fisicamente molto forte, che appena segnato si è chiusa nel fortino. E quando si crea questa situazione di gioco le squadre italiane incontrano grandissime difficoltà, essendo prive di schemi offensivi. Tutta la prestazione si è risolta in corse affannose e palloni buttati in mezzo all’area dove i prestanti neozelandesi riuscivano sempre ad anticipare i nostri di testa e di piede.
Un discorso a parte meriterebbero poi gli attaccanti, sempre in ritardo e nascosti dietro i difensori avversari. Giocatori come Gilardino o lo stesso Di Natale(29 goal quest’anno in campionato) denunciano un grave deficit di personalità ogni qualvolta giocano in nazionale. Iaquinta dà quello che può ma non essendo un campione non gli si può chiedere di più. Pazzini non è praticamente mai stato provato prima del mondiale e non ha grande esperienza internazionale, anche perchè in Italia un giocatore di 25 anni viene ancora considerato un “giovane” mentre all’estero si esordisce tranquillamente in prima squadra a 18 anni(soprattutto in Spagna e Francia). Quagliarella è reduce da una stagione non proprio brillante nel Napoli, dove ha faticato non poco a vedere la porta.
L’attacco manca di un uomo capace di fare l’ultimo passaggio e l’infortunio di Pirlo da questo punto di vista è stato terribile perchè si tratta – notoriamente – dell’unico uomo capace di smarcare l’uomo, sia pur da lontano.
Montolivo è potenzialmente un grande giocatore ma anche lui sembra afflitto dalla sindrome del braccino corto. Giocatori come Pepe e Criscito lasciano francamente perplessi,  finora non all’altezza di Camoranesi e  Grosso versione 2006.
La difesa è ovviamente il punto dolente, ma lo si sapeva già prima di partire per il Sudafrica. Cannavaro ha 37 anni e comincia a dimostrarli; è stato fatto di tutto per permettergli di partecipare al mondiale ma i limiti sono evidenti. Probabilmente non forma nemmeno una buona coppia con Chiellini dato che entrambi sono bravi nell’andare sull’uomo ma molto meno ad impostare il gioco e a comandare la difesa.
Zambrotta appare invece parzialmente rigenerato ma non può essere fatalmente ai livelli del 2006; sono passati 4 anni.
La perdita di Buffon è molto grave. Parliamo del Buffon in piena forma, perchè quello visto da qualche tempo a questa parte non è certamente avvicinabile a quello del 2006.
Marchetti è un buon portiere ma niente di trascendentale.
La squadra, complessivamente, si impegna. Nessun appunto può essere fatto per quanto attiene la voglia di fare e questo è ancor più inquietante, perchè mostra ancora di più i limiti di una squadra volenterosa ma con grossi limiti.
La personalità latita in molti elementi. E questo è un handicap capace di limitare le potenzialità tecniche che già non sono eccelse.
In questo panorama abbastanza fosco non c’è da sorprendersi che si possa fare un 1-1 con una delle squadre più scarse del mondiale(prima dei 7 goal presi dalla Corea del Nord avrei detto la più scarsa).
Non ci resta che vincere con la Slovacchia, formazione un pò giù di tono ma ovviamente da non sottovalutare. Anche perchè questa Italia sembra proprio capace di risuscitare i morti.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...